Seleziona una pagina

Fornitura Foraggi Essiccati

In Italia l’erba medica occupa un’ampia superficie di terreno per una produzione annua di circa 4 milioni di tonnellate di foraggio. La maggior parte del foraggio viene essiccato in campo, poi imballato per la conservazione e il successivo trasporto e commercio.

La Società Orziservice, da qualche anno attiva nell’ambito della fornitura di prodotti zootecnici, propone in vendita foraggi essiccati coltivati senza l’impiego di pesticidi o concimazioni chimiche, che costituiscono una fonte inesauribile di fibra e proteine essenziali per la crescita di animali longevi e sani.

I foraggi secchi hanno delle preziose caratteristiche nutrizionali e sono una fonte essenziale per l’alimentazione di bovini, suini, cavalli, conigli, polli.

Se vuoi conoscere il prezzo all’ingrosso dei nostri foraggi essiccati oppure richiedere preventivi dettagliati, contattaci!

L’erba medica e l’alimentazione animale

Gli animali al pascolo riconoscono per istinto le erbe con le migliori qualità nutritive; al contrario, gli animali allevati in stabulazione ricevono dagli allevatori un’alimentazione completa per tutto l’anno. Oggi l’uso dell’erba medica nel pascolo è molto marginale; per il suo odierno utilizzo, invece, si passa attraverso le fasi dello sfalcio, dell’essiccazione e della conservazione, operazioni che influiscono sulla quantità, sulla sanità e sulla qualità del foraggio ottenuto.

L’erba medica disidratata e gli altri foraggi verdi sono l’alimentazione ideale per bovini, ovini, caprini, conigli, cavalli e pollame, che ne traggono beneficio in termini di benessere e di salute. L’erba medica disidratata, infatti, contiene fibre e calcio, aminoacidi, oligoelementi e vitamine A e E.

Le fasi, prima e dopo l’essiccazione

Gran parte del foraggio di erba medica viene essiccata in campo. Quelle di seguito le fasi che attraversa:

  • lo sfalcio: si effettua tramite una falciatrice o una più moderna falciacondizionatrice. Per ottenere un foraggio di buona qualità, è essenziale che lo sfalcio avvenga nella fase fenologica che va da bottoni fiorali a circa metà dei fiori aperti. Nel periodo di crescita vegetativa il foraggio, infatti, è scarso a livello quantitativo, mentre nel periodo successivo alla fioritura il tronco lignifica e le foglie cominciano a cadere, compromettendo la qualità del foraggio;
  • l’essiccazione: il foraggio può essere portato a essiccazione prima di essere imballato e direttamente in campo (tecnica tradizionale e più economica). Allo sfalcio seguono la movimentazione con il voltafieno, l’andanatura e la pressatura, per poi successivamente essere imballato;
  • la conservazione: il foraggio viene conservato in balloni rotondi di diverse dimensioni, a seconda delle esigenze delle aziende che li consumano o delle condizioni di trasporto.

La conservazione del foraggio imballato è opportuno che si realizzi in un ambiente coperto, ombreggiato e ventilato. È fondamentale riuscire, infatti, a scongiurare il rischio maggiore per una buona conservazione del foraggio, ovvero l’eccesso di umidità.

Per riuscire ad alimentare i suini in modo equilibrato è fondamentale conoscere esattamente i contenuti di tutta la razione. Orziservice fornisce foraggi essiccati di ottima qualità e a un prezzo competitivo.